Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Irtet Bk Casapulla – CAB Solofra 62-83

IRTET CASAPULLA: Benenato 14, Pavone 4, Di Lorenzo 11, Delli Paoli 2, Olivetti 9, Fusco, Maiello 2, Damiano 2, Nacca E. 16, Avella, Lillo G., D’Aiello 2. All. Monteforte

CAB SOLOFRA: D’Argenio, Cantelmo 25, Pergolese 4, Esposito 5, Coppola 14, Ferrara 2, Di Lauro 12, Tammaro, Gasparri 8, Izzo 13. All. Iannaccone   

ARBITRI: Guerrasio e Morra di Napoli.

PARZIALI: 15-22, 37-41, 56-64.

Si chiude con la quarta sconfitta consecutiva la regular season dell’Irtet Casapulla, travolta a domicilio dal CAB Solofra 62-83. Con questo ko i gialloviola perdono anche il fattore campo nel primo turno dei playoff, agganciati e sorpassati proprio dai solofrani, in vantaggio 2-0 nei confronti diretti stagionali.

I gialloviola, in piena lotta per la seconda piazza, scendono in campo con tantissime assenze (ben cinque), ma reggono bene l’urto nelle battute iniziali, mantenendosi a galla grazie alle triple di Di Lorenzo, Olivetti e Nacca. Sul fronte opposto, invece, il Solofra appare molto più energico e si affida soprattutto alle giocate di Cantelmo (8 punti nel periodo) e Coppola per tenere indietro i rivali. Benenato prova a ridurre il gap, ma ancora Cantelmo, con l’ausilio di Coppola e soprattutto alla presenza di Di Lauro sotto i tabelloni, dà il ‘la’ alla prima fuga degli ospiti (15-22 al 10’). Di Lauro continua a farsi sentire in vernice, ma Di Lorenzo riporta a due possessi il Casapulla grazie a cinque punti filati. L’intensità difensiva messa in campo dai padroni di casa è la chiave della risalita e Benenato chiude un parziale di 9-4 per i gialloviola (24-26, -6’30”). L’elastico nel punteggio è però una costante l’ingresso dei 205 cm di Izzo, di scuola Scandone Avellino, sono un’arma in più per i viaggianti. Nacca dà la scossa all’Irtet e infila un paio di canestri dal perimetro (inclusa una tripla), mentre Damiano, che recupera anche diversi palloni, impatta a quota 31 con 4’46” da giocare. Un minuto dopo tocca ad Olivetti siglare il sorpasso (33-32 al 17’), ma purtroppo il Casapulla non trova continuità e concede una miriade di seconde e terze chance, tagliando fuori male e poco i rimbalzisti dei conciari. Gli esterni ospiti sono bravissimi a guadagnarsi viaggi in lunetta ed a convertirli e 4 punti di Coppola archiviano la prima metà sul 37-41.

Al rientro dalla pausa lunga Pavone infila un paio di canestri e la pressione della difesa allungata paga buoni dividendi ai casertani. Che mettono la freccia e sorpassano il CAB con una bomba di Di Lorenzo (44-43 al 23’). Da li in poi però è notte fonda per il team guidato da coach Francesco Monteforte. I backdoor sulla linea di fondo di Cantelmo, una tripla di Di Lauro e le giocate di Coppola ribaltano completamente l’inerzia del match e valgono il break che si rivelerà decisivo. Gli irpini piazzano un mortifero 0-13 (44-56 al 26’), chiuso da Cantelmo e, solo dopo almeno tre giri di lancette di astinenza, è Nacca a muovere il tabellone per i casapullesi, grazie ad una conclusione pesante a bersaglio. Benenato è bravo a convertire i tanti liberi guadagnati ed ancora Nacca riaccende la fiammella del sodalizio di stanza sull’Appia (tracciante del 54-60, -1’18”). A riaprire definitivamente i giochi ci pensa, però, il baby Pasquale Delli Paoli (classe 2000) che sigla il -4, segnando i suoi primi punti tra i senior alla sua seconda presenza. Il CAB però non demorde e grazie ai lunghi Izzo e Pergolesi riprende un buon margine (56-64 al 30’). Nella frazione conclusiva il Casapulla si affida troppo alle conclusioni dal perimetro, a differenza dei conciari che hanno in Izzo un vero e proprio totem nel pitturato: il pivot irpino ne mette 7 in fila (sui 9 nel quarto) e fa volare i suoi sul +15, convertendo anche un delizioso alley hoop. L’Irtet non ne ha più, trova 6 miseri punticini in tutto il quarto, sprofondando sotto i colpi di Cantelmo e Di Lauro che regalano successo e quarta piazza alla formazione guidata da Iannaccone.

Per l’Irtet Casapulla i playoff si preannunciano in salita; s’inizia domenica a Mugnano.

Michele Falco

Ufficio stampa Basket Casapulla

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Nell'apposita sezione "Foto" del nostro portale www.campaniabasket.it, abbiamo pubblicato le foto del servizio fotografico effettuato durante la gara del Campionato Esordinti femminile girone B Campania.

 

Amatori Basket Cercola - Minibasket Torregreco 89-12

 

Palazzetto - Viale Dei Platani 4  CERCOLA (NA)

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Free Basketball, concluso il primo giorno di raduno della Nazionale Italiana Sorde

 

Le azzurre hanno sostenuto un lungo allenamento all’”Istituto Comprensivo Tommaso Anardi. Il gm Prete. Stiamo vivendo unesperienza unica

 

E’ iniziato nel migliore dei modi il raduno della Nazionale Italiana Sorde a Scafati. Ospiti della Free Basketball, le giocatrici guidate da coach Sara Braida hanno sostenuto il primo intenso allenamento all’”Istituto Comprensivo Tommaso Anardi”. Ben quattordici atlete provenienti da tutta Italia, accompagnate anche dal direttore tecnico Beatrice Terenzi e dal consigliere federale Massimiliano Bucca, hanno così potuto saggiare il campo in vista degli Europei che si disputeranno il prossimo luglio a Salonicco in Grecia. Il tutto davanti agli occhi dell’intero staff della Free Basketball e del presidente della Fip Campania Manfredo Fucile che ha voluto portare il suo saluto alle azzurre. Le ragazze, ospitate in più punti della città, si sono subito ambientate ed hanno dispensato abbracci e sorrisi fino a tarda serata.

 

A dir poco entusiasta il gm Maurizio Prete. “Devo ammettere che stiamo vivendo un’esperienza davvero unica. Stiamo conoscendo delle persone eccezionali, che rimarranno sicuramente nei nostri cuori. Il nostro lavoro ormai non conosce soste, ma ci siamo fatti trovare pronti all’appuntamento. E’ la prima volta che ospitiamo un evento del genere, ma finora tutto si sta svolgendo in maniera perfetta. Abbiamo ancora tante emozioni da condividere assieme a questo fantastico gruppo”.

 

Il team di coach Sara Braida sosterrà altre tre sedute alla “Tommaso Anardi”, per poi rompere le righe domani dopo pranzo.

UFFICIO STAMPA

FREE BASKETBALL ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

UNDER 15 ECCELLENZA:

LA D’ALESSANDRO PIELLE DOMANI A VASTO PER ACCEDERE ALL’INTERZONA

Dopo aver affrontato le final four a Brindisi, incontrando in “campo neutro” le due brindisine, la Pielle dovrà disputare lo spareggio a Vasto per accedere all’interzona.

Alle final four la semifinale tra Pielle Matera ed Enel Brindisi è stata una partita vietata ai deboli di cuori, infatti ci sono voluti 45 minuti per decidere la finalista.

I primi venti minuti sono stati sempre in equilibrio con le due squadre che si sono affrontate a viso aperto e ce vedeva i brindisini  più cinici e portarsi negli spogliatoi con 3 punti di vantaggio.

Ma al rientro dagli spogliatoi i materani sono riusciti  a trovare il loro ritmo di gioco ed a portarsi per la prima volta in doppia cifra di vantaggio, chiudendo il terzo quarto sul + 9.

Una delle caratteristiche principali della squadra brindisina è quella di non demordere mai, ed infatti nei primi minuti dell'ultimo quarto non solo sono riusciti a recuperare il gap di svantaggio ma sono stati  bravi a superare nel punteggio i materani che, in quei frangenti  non sono riusciti  più a trovare la via del canestro come nel terzo quarto; e cosi a 1'50 dalla fine il punteggio è sul 68 a 60 per i brindisini.

E proprio quando tutti pensavano che fosse finita,è uscito fuori l'orgoglio dei materani che grazie a due palle recuperate e ad altrettanti contropiedi sono riusciti  a pareggiare la partita a 8" dalla fine grazie ad un canestro di Digno. Nell'ultima azione della partita i materani con una super difesa sulla palla grazie a Linzalone sono riusciti a prendere il rimbalzo con Digno e spingere il contropiede subendo fallo a 0.7 decidimi dalla fine. La troppa fretta di tirare causa uno 0 su 2 che porta le squadre al supplementare. Dopo 40' di gioco e dopo aver recuperato 8 lunghezze negli ultimi minuti, i materani sembrano più brillanti e nel supplementare sono riusciti a portarsi in doppia cifra di vantaggio, grazie ad una attenta difesa e ad i canestri di Petronelle e Montemurro, vincendo la gara dopo 45'e conquistando la finale prevista per il giorno successivo  contro un’altra brindisina: l’Aurora.

Nella finale i pugliesi, che in semifinale avevavo superato agevolmente i foggiani del San Severo (76-51) hanno preso 8 punti di vantaggio negli ultimi minuti del primo quarto, e sono stati bravi a mantenere questo vantaggio fino al termine della partita, approfittando della poca lucidità dei lucani, reduci da una semifinale tiratissima. I materani, nonostante una buona partita, non sono riusciti a recuperare, avendo avuto basse percentuali al tiro, sia dal campo che dalla linea della carità.

Aurora Brindisi, quindi, che accede direttamente all’interzona, mentre la  Pielle potrà accedervi se supera lo spareggio che avrà luogo domani, sabato 30 aprile a Vasto contro la  Virtus Porto San Giorgio (3 clessificata nel girone marchigiano).

Non sarà una partita semplice per i lucani che affronteranno una squadra con tanti centimetri avendo ben 4 ragazzi sopra i 185 cm d'altezza.

La vincente dello spareggio sarà impegnata nel Concentramento perl'accesso alle Finali Nazionali a Perugia con Bassano del Grappa, JuveCaserta ed Eurobaske Roma.

Questi i tabellini della final four:

SEMIFINALE:

D’ALESSANDRO PIELLE MATERA - ENEL BASKET BRINDISI 87- 76 (dts) (22-19; 9-15; 24-14; 15-22; 17-6)

 

D’ALESSANDRO PIELLE MATERA: Digno 23, Linzalone, Grassi, Petronella 31, Lopane 10, Montemurro 17, Raele, Torraco 3, Guida, Paolicelli 3, Conforti All.: Losito Ass.: Carone

ENEL BASKET BRINDISI: Massagli 22, Capriati 4, Perrucci, Zurlo 6, Epifani 20, Marzo 17, Di Sansebastiano, Danese, Capoccia 2, D'Autilia 5, Ruggiero, Esposto All.: Laghezza Ass.: Giarletti Arbitri: Menelao/Ranieri

FINALE:

D’Alessandro Pielle Matera -Aurora Brindisi 49-64  (6-14, 13-20, 15-13)

D’Alessandro Pielle Matera: Digno 10, Linzalone 4, Grossi, Petronella 20, Lopane 6, Montemurro 4, Reale, Torraco 2, Paolicelli 3, Conforti. All. Losito. Ass. Carone

Aurora Brindisi: Mattei 5, Travaglini 2, Tedeschi 9, Fonseca 7, Polifemo 13, Cantoro 11, Andrisani, Marra, Spalluto, Nardelli 4, Lacarbonara 2, Egitto 11. All. Arrighi Ass. Patera

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Per la Galletto Carpedil Salerno c’è S. Salvatore Selargius al secondo turno dei playout

Contrariamente alle aspettative sabato si va in Sardegna per gara 1 contro l’ex Manfrè

Cambio di programma nel tabellone playout. Non sarà il Castel Carugate ma il San Salvatore Selargius l’avversaria della Galletto Carpedil Salerno Basket ’92 nel secondo turno dei playout, ultima chance per mantenere la Serie A2. Una serie di qui pro quo ha coinvolto tutte e quattro le società impegnate nei playout, convinte che gli accoppiamenti fossero diversi. La Fip ha invece comunicato le gare Serlargius-Salerno e Carugate-Ancona.

Le granatine saranno impegnate quindi sabato 30 aprile (ore 20:30) in gara 1 presso la struttura geodetica di Selargius (CA) contro le padrone di casa che hanno perso il doppio confronto con la Virtus Cagliari nel primo turno playout, pur partendo favorite grazie al quintultimo posto della regular season. E proprio in virtù di ciò nell’accoppiamento del secondo turno saranno le sarde a giocarsela con Salerno, che ospiterà gara 2, invece, mercoledì 4 maggio al PalaSilvestri. Eventuale gara 3 ancora in Sardegna il 7 maggio. Curiosità: nel San Salvatore gioca Giorgia Manfrè, che ha vestito la casacca salernitana per sei mesi nella scorsa stagione.

Così coach Sara Braida sull’impegno di sabato: “Selargius ha starting five competitivo, dovremo stare molto attente soprattutto all’esterna Di Gregorio che ha militato in A1 fino a qualche mese fa. Occhio anche a Ljubenovic che è stata miglior marcatrice del girone nord. Le sarde vanno spesso in contropiede e sfruttano molto la bravura dei due pivot. Dal canto nostro andiamo lì con fiducia, abbiamo recuperato qualche giocatrice rispetto agli ultimi impegni: stavolta non si può più sbagliare, bisognerà mettere grande intensità nell’arco dei quaranta minuti e provare a strappare un risultato positivo già in gara 1”.

 

SETTORE GIOVANILE. Con il terzo posto alle finali regionali, la compagine Under 16 dell’Autodue Salerno Basket ’92-Ruggi ha guadagnato l’accesso allo spareggio per accedere all’Interzona. Avversarie delle granatine di Braida e Pignata saranno le laziali della Stella Azzurra: si giocherà domenica 1 maggio in campo neutro in gara secca. Le società sono in attesa di comunicazione di sede e orario da parte della Fip.

Salerno, 27 aprile 2016                                                   

                                                                                                                                    Responsabile Comunicazione
                                                                                                                   Alfonso Maria Avagliano – 3403710729

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Nell'apposita sezione "Foto" del nostro portale www.campaniabasket.it, abbiamo pubblicato le foto del servizio fotografico effettuato durante la gara del Campionato nazionale di serie C Silver Campania:

 

G.M.A. - Virtus Pozzuoli - Supermercati Extra C.A.P. Nola 74-53

 

PAL.TO DELLO SPORT 'ERRICO' - Via Solfatara 56 POZZUOLI (NA)

 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Irtet Bk Casapulla - Al Delfino Bk Mugnano 87-81 d1ts

IRTET CASAPULLA: Benenato 10, Pavone 14, Di Lorenzo 20, Olivetti 11, Maiello ne, Pietropaolo 9, Damiano 1, Nacca E. 8, Avella ne, Lillo G., D’Aiello 14. All. Monteforte

AL DELFINO MUGNANO: Sarnataro, Montanaro 4, Cotena ne, Federici 16, Pascarelli 4, Civita 2, Del Duca 19, Carrozzo 17, Tavassi 3, De Gregorio 2, D’Angelo 14, Cositore. All. Olivo

ARBITRI: Marotta e Argenio di Avellino.

PARZIALI: 21-23, 39-43, 52-58, 71-71.

Emozioni a non finire al PalaNatale, dove un’Irtet tutto cuore esce vincitrice da 2 ore e 15’ di battaglia pura contro un ottimo Basket Mugnano, arresosi solo all’overtime 87-81. I gialloviola compiono così l’upset e volano in semifinale dove attendono la vincente di Capo Miseno-Sammaritana.

L’avvio di gara dell’Irtet è sfolgorante (7-2 in 1’) con Bennato, Olivetti e Pietropaolo sugli scudi. I ritmi alti favoriscono i padroni di casa ma ben presto, i viaggianti riescono ad imporre il proprio gioco. Carrozzo trascina i suoi al sorpasso con 7 punti filati e soprattutto in difesa l’Al Delfino è bravo ad occupare l’area ed a concedere poco ai casapullesi. Federici entra in ritmo e con una tripla ed un gioco da tre punti regala la prima fuga ai gialloblu di Olivo (11-19 -3’22”) chiudendo un break di 17-4. Il Casapulla prova a muovere più la palla e grazie alle penetrazioni di Di Lorenzo e Nacca risale la china, ma scivola nuovamente indietro grazie alla serie di liberi di D’Angelo. L’ingresso di Pavone cambia marcia ai casertani, molto più reattivi, e col quintetto piccolo i locali tornano a -1 grazie alla produzione di Benenato. Alla prima pausa si va sul 21-23, ma il Mugnano ha il pallino del gioco in mano. Federici è molto concreto, mentre Nacca prova a tenere in vita in suoi, centrando il bersaglio dai 6,75 (24-25). Olivetti e Carrozzo danno vita ad un duello sia fisico che nervoso, ma a guadagnarsi il palcoscenico è Del Duca, sempre pronto a ricacciare indietro ogni velleità di risalita di Lillo e soci. Serve una giocata di Pietropaolo per ritrovare il pari a quota 35 (a -2’45”), ma entrambe le formazioni rallentano. I tanti fischi del quantomeno discutibile duo arbitrale spezzettano il match e prenotano tanti viaggi in lunetta agli ospiti, quasi infallibili a cronometro fermo. Carrozzo torna ad essere un fattore in vernice e con D’Angelo riporta avanti i suoi a metà gara (39-43 al 20’).

Quando si torna a correre Olivo piazza una 1-3-1 che ingabbia l’attacco di casa, molto poco reattivo. Il Casapulla perde fiducia, D’Angelo punisce dalla lunga distanza, mentre Del Duca e Pascarelli portano i napoletani sul +13 (45-58). A facilitare il compito del sodalizio dell’hinterland è anche l’orrido 4/11 dalla lunetta nel quarto dell’Irtet e solo un break di 7-0 griffato Di Lorenzo-Pavone (tripla a -3” da riposo) tiene in vita il team di stanza sull’Appia (52-58 al 30’). D’Aiello e Pavone (che sgancia due bombe) le provano tutte per riavvicinare la truppa di Monteforte, ma Federici e l’efficacissimo Del Duca (top scorer dei suoi con 19) costruiscono un buon margine di sicurezza (61-66 al 34’). Carrozzo viene finalmente contenuto con raddoppi in post basso e pian piano, grazie anche ad un atteggiamento difensivo migliorato, il Casapulla si riavvicina. D’Aiello e Di Lorenzo rifanno sotto i gialloviola, Mugnano non segna per oltre 3’ e così Pavone piazza il sorpasso a 2’16” dalla sirena. D’Angelo e Montanaro (da 3) provano a dare la spallata decisiva (67-71 a -1’20”), ma l’Irtet ci crede e, malgrado qualche spreco dalla linea della carità, trova il pari con i personali di Di Lorenzo e Benenato (10+8 rimbalzi), con 9” sul cronometro. Carrozzo esce per falli e l’ultimo assalto del Mugnano non sortisce effetti.

La gara si prolunga, Del Duca e Federici sparano le ultime cartucce portando a +4 l’Al Delfino (71-75 al 41’), ma un siluro di D’Aiello evita la fuga. Proprio il lungo gialloviola ( serata da 14+10) è l’anima dei suoi, mentre Olivetti (anche lui in doppia doppia da 11+10) dà la scossa decisiva firmando l’‘and one’ che ribalta il punteggio (80-78 -1’35”). Pavone recupera poi un pallone di platino, subisce fallo ma converte solo uno dei personali, mentre sul versante opposto Mugnano prova a replicare, ma Del Duca fallisce l’aggancio. Nell’ultimo giro di lancette succede di tutto: Civita sigla il -2 dalla lunetta e Pavone commette un turnover  a -40”, regalando al Mugnano la chance di impattare. A -28” a Montanaro viene fischiato fallo in attacco e da lì in poi è bagarre. La coppia di ‘grigi’ dispensa tecnici ed espulsioni come se piovesse: Federici viene allontanato ed il Casapulla allunga a cronometro fermo (84-78, -28”). Un canestro pesante di Tavassi spaventa l’Irtet, che però resiste e anche sbagliando tanti liberi si impone 87-81.

Ora non resta che attendere la prossima avversaria. Gara-1 di semifinale è prevista per l’8 maggio. 

Michele Falco

Ufficio stampa Basket Casapulla

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Week-end lunghissimo in casa Centro Basket Torre Annunziata con la partecipazione a ben quattro tornei disputatisi in varie parti d’Italia. La Profilcomarin under 13 elitè impegnata nel IX Torneo di Ferrara ha raggiunto l’ottavo posto occupando il centro della classifica finale e disputando nel complesso delle buone prestazioni. Dopo l’esordio vincente contro la Mens Sana Siena i ragazzi di coach Battiloro hanno compiuto un vero e proprio miracolo superando Forlì di un solo punto in un finale di gara al cardiopalma. La stessa Forlì il giorno successivo veniva battuta dai bianco verdi oplontini a Jesolo, unica squadra a superare i romagnoli , in occasione delle finali nazionali del Join The Game, ma nonostante ciò la ONE TEAM   riusciva ugualmente a vincere  la manifestazione nazionale nella categoria under 13 battendo la primatista del Lazio ovvero l’Olimpia San Venanzio. Dopo le due vittorie il CBTA se la vedeva contro San Lazzaro (Bologna) che occupa attualmente il primo posto in Emilia Romagna per agguantare il sogno della semifinale. Partita intensa con il Centro Basket che gettava letteralmente il cuore oltre l’ostacolo per tener testa ai fortissimi felsinei che realizzavano canestri importanti sia da sotto  che dalla distanza  avendo percentuali al tiro ottime. Il finale vedeva Antonio Pio D’amico e compagni cedere di poche lunghezze e dover rinunciare alle finali dal primo al quarto posto. Da lì in poi i giovani lupi si disunivano perdendo in serata di due punti contro la Fortitudo Bologna ed il giorno dopo cedendo il settimo posto alla Virtus Padova. Terminata la manifestazione e vedendo la classifica finale il CBTA si stropiccia gli occhi ed incredulo vede il lupo precedere  compagini blasonate come le due Siena , la Virtus Bologna, Forlì, Treviso,Varese e Reggio Emilia, società che investono tantissimo nel settore giovanile  raggiungendo ogni anno risultati straordinari a livello nazionale: “ Siamo più che contenti – afferma coach Battiloro – pensavamo davvero che non potevamo competere con simili corazzate invece abbiamo venduto cara la pelle e siamo pronti per il finale di stagione”. Quarto posto raggiunto dal duo Cirillo- Saldamarco nel torneo Guidelli di Arezzo con due vittorie ( contro Stabia ed i polacchi del UKS oswiecim) e due sconfitte contro Cecina e Cesenatico. Terzo posto al Torneo di Ostia per la squadra Esordienti del CBTA di coach Attilio Stella che sale sul podio dopo una partita tiratissima contro Avellino. Vittoria il primo giorno contro l’Eurobasket Roma poi unica battuta d’arresto contro il forte San Paolo Ostiense ed altra vittoria contro il Basket Fermo.La carovana bianco verde giunta negli impianti dell’Alfa Omega Ostia ha disputato un buon torneo che ha dato delle risposte importanti in vista del Torneo dei Papi di Anagni che il CBTA si appresta a disputare. Infine secondo posto per la Fortitudo Ferraris Sant’antimo  squadra in cui gareggiava il capitano dell’under 15 Sergio Stella, che in finale ha dovuto inchinarsi  al Basket Vicenza. Dopo una quattro giorni davvero intensa ci si rituffa nei vari campionati  prima della fine della stagione agonistica, l’under 15 impegnata nella fase Gold  scenderà in campo mercoledì prossimo contro Pastena,  Di Maio Medical under 14  sempre per la fase Gold contro il Basket Giugliano ed ultima gara prima delle Final Four per l’under 13 elitè contro Casalnuovo partita che non avrà alcun senso in quanto il CBTA ha raggiunto anzi tempo il primato in classifica.

Ufficio Stampa

Centro Basket Torre Annunziata